STORIA e PROPRIETA' DELLO ZAFFERANO
ZafferanoBiologicoSantEgle.jpg


Zafferano, dal persiano za'faran, significa oro, luce, saggezza rivelata.
Noto fin dall'antichità per i suoi effetti benefici sull'organismo, è stato riscoperto in tempi recenti dalla scienza come uno degli antiossidanti più potenti in natura, capace di risvegliare tutte le energie.
Mezzo grammo di zafferano, infatti, fornisce al nostro organismo la stessa quantità di antiossidanti, gli antiruggine dell'età, contenuti in tre etti di pomodoro, due di carote, tre di peperoni e due di spinaci.
In minuscole quantità, lo zafferano contiene una straordinaria concentrazione di vitamine, sali minerali e oligoelementi preziosi per la salute.

È il caso dei caroteni, sostanze che il nostro organismo trasforma in vitamina A, noti per le loro proprietà antitumorali e stimolatrici del sistema immunitario: lo zafferano ne contiene l'8%, mentre le carote solo lo 0,008%

Per tutti questi motivi, lo zafferano è un rimedio naturale tanto prezioso quanto raro.
Basti sapere che si ottiene da tre piccoli filamenti presenti nella corolla di un fiore, il crocus sativus: per ottenerne una modica quantità occorrono migliaia di piante e molte ore di lavoro manuale.

Ecco dunque spiegato perchè, in natura, lo zafferano viene paragonato all'oro.

Il suo valore può essere misurato anche attraverso le sue innumerevoli proprietà curative come stimolare il sistema immunitario, proteggendo l'organismo dall'aggressione di virus e batteri, prevenire lo sviluppo di tumori e malattie degenerative, ostacolando l'azione distruttiva dei radicali liberi,proteggere il cuore e le arterie, riducendo ipertensione e ipercolesterolemia, proteggere l'apparato respiratorio, alleviando i sintomi di tosse e asma, ridurre i dolori mestruali, grazie al contenuto di crocetina, aumentare la concentrazione, mitigare la depressione, alleviare il mal di denti, proteggere il fegato e stimolare la digestione.
E' allo studio l'ipotesi che lo zafferano sia in grado di inibire il deposito di alcune proteine presenti nel cervello umano quando si è in presenza della malattia di Alzheimer.

VALORI NUTRIZIONALI E CALORIE
riferiti a 100 grammi di prodotto

Valori Energetici
Calorie (Kcal) 310,00
Calorie (KJ) 1297,00
Grassi
Lipidi Totale 5,90
Saturi Totali 1,59
Monoins Totali 0,43
Polins Totali 2,07
Ac. Oleico 0,39
Ac. Linoleico 0,75
Ac. Linolenico 1,24
Altri Polis 0,00
Colesterolo 0,00
Proteine
Proteine Totale 11,40
Proteine animali 0,00
Proteine vegetali 11,40
Carboidrati
Glucidi Totali 61,50
Amido 19,10
Glucidi Solub 42,40
Valori vari
Parte edibile (g) 100,00
Acqua (g) 11,90
Fibre alim 3,90
Alcool 0,00
Vitamine
Vit B1 0,12
Vit B2 0,27
Vit B3 1,50
Vit C 0,00
Vit B6 1,30
Folico 0,00
Retinolo eq 53,00
Beta carotene eq 318,00
Vit E 1,69
Vit D 0,00
Minerali
Ferro 11,10
Na 150,00
K 1720,00
P 250,00
Zn 1,10

Ma lo zafferano è anche un ottimo alleato della bellezza, e un versatile ingrediente in cucina.

In cucina

Lo zafferano si impiega nella cucina come ingrediente di cibi e nelle bevande per donare il caratteristico profumo, l’inconfondibile sapore e il prezioso colore “oro”.
E' sufficiente mettere un pizzico di zafferano in polvere in una tazza d'acqua o latte tiepido, lasciare riposare per 10 minuti ed unire il liquido alla pietanza che si vuole pregiare di questo oro giallo.

Attenzione
Come per tutti gli alimenti è bene fare attenzione a non esagerare. Assumerne 20 grammi di zafferano tutti in una volta può risultare letale!
Addirittura, per una donna in gravidanza, l'assunzione di 10 grammi di zafferano possono determinare l'aborto.
La dose ideale che non dovrebbe mai essere superata è quella di 1,5 grammi al giorno.